Articoli

Anquetil 1983

Veronique Anquetil Dakar 1983

Davvero messa male la Yamaha XT 550 di Veronique Anquetil alla Dakar 1983

Anquetil Neveu 1984-2

Piccola, ma grande Veronique alla Dakar 1984!

Ventiquattro anni, minuta e dai lineamenti gentili, Veronique Anquetil nella vita di tutti i giorni fa la commessa e quando posa vicino alla sua Yamaha 600 TT sembra ancora più fragile. In realtà questa ragazza non ha solo vinto la classifica femminile, è anche arrivata 15ma assoluta!

Alla sua terza esperienza nella Parigi-Dakar è finalmente riuscita a vedere l’arrivo, sopportando l’anno precedente la tristezza del ritiro a soli 400 km da Dakar.

Cosa l’ha spinta a partecipare?

«Mi piacciono le corse, ci confida prima della partenza della speciale che da Sali Portudal la porterà finalmente a Dakar. Partecipo a gare di enduro anche in Francia, ma lì le prove sono più brevi e inadatte ad una donna. Qui in Africa, invece, conta il sapersi amministrare. Non sono mai andata molto forte ma non mi sono mai fermata, non sono caduta che quattro volte, ed a velocità non eccessive. Nel frattempo i ragazzi rompevano le loro moto, cadevano spesso… Ho fatto una gara d’attesa perché ho un fisico resistente, che sopporta bene la stanchezza smaltendola giorno per giorno».

Hai sofferto di qualche inconveniente specifico per il fatto di essere una ragazza in una corsa tanto virile?

«Direi di no, è una questione di abitudine. Ormai sono considerata un pilota come tanti altri».

Qual era la tua posizione quest’anno?

«Partecipavo ufficialmente sponsorizzata dalla Pastis 51 dalla Sonauto e dalla Total con un veicolo di assistenza che dividevo col giornalista Pierre Marie Poli».

Fonte motosprint
Foto Mimine Magnin